Teatro

Attore

Dario Ballantini

In teatro ha esordito nel 1987 con compagnie dialettali proseguendo negli anni coi suoi spettacoli di trasformismo, una pièce dedicata a Petrolini, fino  all’omaggio a Lucio Dalla con “Da Balla a Dalla”. Achille Bonito Oliva lo ha definito una scultura vivente che con le sue trasformazioni attua una personale forma di arte del corpo.

Un omaggio che Ballantini rende all’amico e grande cantautore, reinterpretando una parte scelta della sua straordinaria produzione artistica. È uno spettacolo che ricorda Dalla visto attraverso il racconto di vita vera di Dario che, da fan imitatore giovanissimo e pittore in erba, aveva scelto il cantautore emiliano come soggetto di mille ritratti e altrettante rappresentazioni da imitatore trasformista fino all’incontro vent’anni dopo in cui i ruoli si sono, come in un sogno, ribaltati (…)

Dario Ballantini, il trasformista di Striscia La Notizia porta a teatro un cavallo di battaglia del suo repertorio giovanile: il grande Ettore Petrolini. Con la consueta maniacale ostinazione per il totale camuffamento, l’artista livornese riesce a far rivivere, in una versione più aderente possibile all’originale, nove personaggi creati dal grande comico romano nato a fine ‘800: Gigi Il Bullo, Salamini, la Sonnambula, Amleto, Nerone, Fortunello e Gastone, si ripresentano in scena nel nuovo millennio (…)

Show di musica e trasformismo in cui Dario Ballantini, accompagnato da una Band musicale di validi musicisti, riesce a replicare lunghe parti di concerti live dei grandi personaggi della musica leggera, Gino Paoli, Vasco Rossi, Gianni Morandi, Umberto Tozzi e Zucchero, come in una illusione ottica, si susseguono velocemente sul palco tali e quali all’originale…