Arte

Quote

Livornese, classe 1964, svolge l’attività pittorica e quella teatrale di trasformismo da oltre 30 anni.

È un pittore gestuale, per certi versi angosciato dalle slabbrature del tempo e del colore; le maschera, esibendosi in esagerate caricature televisive di personaggi famosi.

Affascinato dall’espressionismo e dall’action painting più figurativo, ricorda De Kooning, ma arricchisce i suoi dipinti con colature, schizzi e colpi di pennello.

È ossessionato dal vuoto di fondo di un mondo pieno di varianti infinite. Ritrae dipingendo sempre lo stesso volto anonimo, apportando variazioni di un tema visivo che assume i contorni mentali di una maschera, quella dell’uomo, quale tutti noi siamo chiamati ad essere.

Guarda il mondo
2021 Carta intelaiata 66,5x47

È stata un’opera laboriosa ma soddisfacente. Un tempo, certe composizioni così piene di dettagli, avevano preso il senso seriale e le avevo chiamate “tekno” perché si riferivano soprattutto all’essere schiavi della tecnologia. Questo è diverso, indaga più la composizione del mondo o del mio mondo. Un monito rivolto a me stesso per indurmi a capire, guardando il mondo, che la via per decifrare le armonie e le disarmonie c’è.

Sincronie
2021 Carta intelaiata 40x34

Un’opera di contemplazione. Ci ritrovo rari attimi della mia vita in cui tutto sembra avere un senso ed una coincidenza. Meglio parlare di sincronie, che se in quegli attimi fosse tutto collegato ad un non-tempo: la preghiera, le strutture umane, la percezione del se, il mare, la luna etc. il mio mondo anche simbolico.